ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
La newsletter è un servizio gratuito che consente ai lettori di ricevere direttamente nella propria casella di posta elettronica le notizie più interessanti pubblicate sul sito Mondolo Ricciotti.

Per iscriversi alla newsletter è sufficiente compilare il form sottostante. Dopo aver inserito nell'apposito campo l'indirizzo e-mail al quale si vuole ricevere le news basta cliccare sull'opzione "Iscriviti".

Email:
 








GOMMA DA MASTICARE ELIMINA FINO CENTO MILIONI DI BATTERI



24/07/2015

Un prezioso aiuto per la salute dei nostri denti arriverebbe dalle gomme da masticare.

I chewing-gum uccidono ben cento milioni di batteri, tanti quanti ne elimina il filo interdentale.

Ma con un'avvertenza: la gomma deve essere senza zucchero, altrimenti i batteri potrebbero addirittura proliferare.

Sono questi i risultati di una ricerca condotta dal Centro medico universitario dell'università olandese di Groningen e pubblicata sulla rivista Plos One.

La gomma funzionerebbe, secondo gli autori della ricerca, come uno spazzino, raccogliendo germi da tutti gli angoli della bocca, a differenza del filo che agisce solo in determinate parti del cavo orale.

Lavorerebbe, insomma, come una spugna, intrappolando oltre cento milioni di batteri, qualcosa come il 10 per cento circa dei microbi della saliva: quando si smette di masticare e si butta la gomma, quindi, ci si sbarazza di tutti questi germi.

Sono decisivi i primi trenta secondi di masticazione, quando il numero di batteri raccolti è più alto.

Il calo può essere causato o dalla riduzione della concentrazione di batteri nella saliva mentre si mastica, oppure dall'azione dei dolcificanti come lo xylitolo, o degli aromi come la menta, che eliminano i microbi.

In definitiva, la gomma avrebbe lo stesso effetto del filo interdentale o di uno spazzolino usato però senza dentifricio.

Ma, sottolineano i ricercatori, il beneficio scomparirebbe con i chewing-gum che contengono zucchero.

I batteri, infatti, con la fermentazione degli zuccheri, farebbero aumentare la placca e quindi il rischio di carie.